050 955.503 050 955.503
Montascale per Anziani e Disabili

        X





          X





          3 Giu, 2024 | In evidenza, Salute

          Secondo una recente indagine della Società Italiana di Nefrologia, 4 milioni di persone soffrono di una malattia renale cronica, un dato preoccupante che pone l’attenzione su una patologia spesso trascurata e non diagnosticata. La nefropatia cronica è una malattia cronico-degenerativa che colpisce soprattutto gli anziani e in particolare i diabetici o chi soffre di ipertensione e se non diagnosticata in tempo può provocare gravi conseguenze all’organismo. In questo articolo vedremo nel dettaglio quali sono gli stadi e i sintomi, le cure della nefropatia cronica e come diagnosticarla.

          1. Nefropatia cronica: definizione e cause
          1. I sintomi e i diversi stadi della malattia renale cronica
          1. Come individuare la nefropatia cronica
          1. Cure e terapie per la nefropatia cronica negli anziani

           

          1. Nefropatia cronica: definizione e cause

          Quando si parla di nefropatia cronica, si intende quella situazione in cui si verifica una lenta e progressiva riduzione della funzionalità renale, che può comportare diverse conseguenze come la stanchezza, l’insonnia, il gonfiore agli arti inferiori, ecc. L’insufficienza renale cronica può insorgere negli uomini e nelle donne a qualsiasi età, ma è stata riscontrata una maggiore incidenza tra gli anziani, i diabetici e gli ipertesi. Le cause principali della comparsa della malattia cronico-degenerativa sono il diabete e l’ipertensione, ma può insorgere anche se si è affetti da altre patologie renali come il lupus, la glomerulonefrite (infiammazione delle unità filtranti dei reni), le malformazioni congenite e il rene policistico. Si evidenziano casi di nefropatia cronica anche nei soggetti che presentano ostruzioni provocate da calcoli e tumori o che hanno sofferto spesso di infezioni urinarie.

          1. I sintomi e i diversi stadi della malattia renale cronica

          La nefropatia cronica nelle fasi iniziali è asintomatica, ma con il progressivo aggravarsi della malattia possono comparire diversi sintomi. Quando l’insufficienza renale inizia a cronicizzarsi, si possono manifestare alcuni sintomi come l’affaticamento, la nausea, il prurito, gli spasmi o i crampi muscolari, la minzione notturna, il gonfiore alle gambe o alle caviglie, l’inappetenza e la difficoltà a concentrarsi. La progressiva riduzione della funzionalità renale comporta diverse conseguenze all’organismo, ad esempio può comparire l’anemia, l’acidosi o negli stadi molto avanzati della malattia si può soffrire di insufficienza cardiaca o danneggiare le cellule nervose del cervello e del tronco. I reni svolgono importanti funzioni come la rimozione dei fluidi e delle scorie dall’organismo, regolano la quantità di acqua e sostanze chimiche, eliminano le tossine e i farmaci e rilasciano nel sangue degli ormoni che regolarizzano la pressione arteriosa e la produzione di globuli rossi. Con l’avanzamento della malattia, i reni non riescono più a smaltire i fluidi e le scorie dal corpo e si accumulano nel sangue, provocando l’insorgenza dei sintomi e delle malattie connesse. Per la nefropatia cronica sono stati individuati alcuni stadi della malattia:

          – lesione renale (o insufficienza lieve)

          – insufficienza renale moderata;

          – forte diminuzione della funzionalità renale;

          – insufficienza renale.

          Per essere sicuri dello stadio della nefropatia cronica viene valutato il tasso di filtrazione glomerulare, che in condizioni normali deve essere 90-120 ml/min. Se il valore del GFR è al di sotto dei parametri normali, allora si è in presenza di un’insufficienza renale e bisogna iniziare subito con la terapia per bloccare l’avanzamento della malattia.

          1. Come diagnosticare la nefropatia cronica

          La nefropatia cronica negli anziani, almeno nelle fasi iniziali non si manifesta con sintomi, quindi è difficile da individuare e si può farlo solo se il paziente si sottopone alle analisi del sangue con regolarità. I pazienti che soffrono di diabete o di ipertensione devono monitorare costantemente la pressione arteriosa, effettuare le analisi delle urine o del sangue, perché hanno più probabilità di ammalarsi di nefropatia cronica. Gli anziani possono scoprire di avere un’insufficienza renale semplicemente con le analisi delle urine: gli esami evidenzieranno la presenza di proteine e di cellule patologiche. Nel caso invece delle analisi del sangue, basterà analizzare i livelli di creatinina, se sono alti è probabile che sia in corso un’insufficienza renale lieve. Per confermare la diagnosi di nefropatia cronica, si possono effettuare anche altri esami come la microalbuminuria, un’ecografia o una tac per analizzare le dimensioni dei reni e l’intero sistema urinario e per finire la biopsia che ha lo scopo di individuare il tipo di insufficienza renale. Nel caso in cui gli esami evidenziano una nefropatia cronica, si dovrà consultare uno specialista per individuare lo stadio della malattia e procedere con il trattamento farmacologico più adeguato.

          1. Cure e terapie per la nefropatia cronica negli anziani

          Se si soffre di nefropatia cronica, è necessario precisare che si tratta di una patologia irreversibile e progressiva, quindi bisognerà imparare a conviverci e cercare di limitarne l’avanzamento. Per controllare la progressione dell’insufficienza renale bisogna effettuare periodicamente le analisi del sangue o delle urine e controllare il valore del tasso di filtrazione glomerulare. Per rallentare la malattia si deve sempre controllare e trattare il diabete o l’ipertensione, così da non aggravare la situazione ed evitare che la nefropatia provochi altre patologie. Oltre ai farmaci per il diabete o per il controllo della pressione arteriosa, il medico potrà prescrivere altre cure che mirano a prevenire l’anemia e a proteggere le ossa. I pazienti con insufficienza renale devono tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, quindi oltre al trattamento farmacologico dovranno modificare lo stile di vita: praticare attività fisica, seguire una dieta povera di proteine e grassi saturi e ridurre l’apporto di sale. Negli stadi avanzati di nefropatia cronica si ha una limitata funzionalità dei reni, di conseguenza è necessario sottoporsi a dialisi, un trattamento che prevede la rimozione artificiale di scorie e liquidi in eccesso dall’organismo. Quando l’insufficienza renale è particolarmente grave e ci si sottopone a dialisi, il trattamento è invasivo e faticoso, di conseguenza il paziente può accusare una stanchezza generalizzata e presentare difficolta motorie, non riuscendo nemmeno a salire le scale. Per migliorare la deambulazione ed evitare sforzi eccessivi è consigliabile installare un montascale, un dispositivo che consente la facile risalita o discesa delle scale. In base alle esigenze del paziente, l’azienda Ceteco propone montascale con poltroncina o piattaforma su misura, che si caratterizzano per la facilità d’installazione, la resistenza, la comodità e la sicurezza.

          Nel caso di insufficienza renale cronica molto grave si dovrà invece ricorrere al trapianto del rene, con la sostituzione dei reni danneggiati con quelli sani di un donatore.

          Queste informazioni forniscono un quadro generale, è fondamentale approfondire ulteriormente per ottenere una comprensione completa e dettagliata del tema trattato.

          Richiedi Catalogo

          Richiedi Catalogo Sì, voglio ricevere gratis il nuovo catalogo 2024 dei prodotti Ceteco

            Dichiaro* di aver preso visione della privacy policy di TK Home Solutions srl a Socio Unico

            Articoli in evidenza

            Sindrome Piedi Brucianti: cos’è?

            Sindrome Piedi Brucianti: cos’è?

            La Sindrome dei Piedi Brucianti è una particolare condizione che si presenta tramite un persistente bruciore che colpisce la pianta del piede, con annessa sensazione di un intenso calore. Questa...

            leggi tutto

            Consulente 3 modal

            Un consulente è pronto per una consulenza gratuita
            Contattaci per ricevere una consulenza gratuita, prendi un appuntamento con uno dei nostri esperti Ceteco e chiedi un preventivo gratuito senza nessun obbligo di acquisto.