050 955.503 050 955.503
Montascale per Anziani e Disabili

        X

          X

          2 Nov, 2022 | In evidenza, Salute, Terza età

          Quali sono le 4 armi segrete per invecchiare in modo attivo

          1. Seguire una dieta adatta alle nuove esigenze correlate all’età
          2. Idratarsi e bere in modo adeguato e costante
          3. Svolgere attività fisica regolarmente 
          4. Dedicarsi a hobby e attività che portino a socializzare con altre persone

          Questi sono tutti punti fondamentali per vivere una terza età in buona salute e nel pieno delle forze, quanto più è possibile. 

          Vediamo ora da vicino perché è importante svolgere un’attività fisica regolare per coloro che hanno superato i 70 anni e, in particolare, quali sono i benefici di camminare all’aria aperta.

          Invecchiare attivamente facendo attività fisica

          Ci sono ormai numerose ricerche che confermano i vantaggi dell’attività fisica, soprattutto per le persone anziane.

          Questo perché mantiene attive diverse funzioni dell’organismo: da quella motoria e muscolare a quella cardiovascolare e cognitiva.

          Non ci sono infatti limiti di età per iniziare (quindi va bene cominciare anche a 70 o 80 anni), l’importante è però informare il medico di base e seguire le sue indicazioni circa il tipo di attività da svolgere, la frequenza e l’intensità.

          Inoltre, non dovrà essere fatto in modo sporadico, ma dovrà diventare parte integrante della nostra routine, con orari e giorni ben definiti in calendario, in modo da poter godere dei vantaggi che solo una costante e regolare attività fisica può dare.

          Quale attività fisica svolgere dopo i 70 anni 

          camminare benefici

          Secondo uno studio inglese, superati i 65 anni si trascorrono oltre 9 ore al giorno seduti o sdraiati.

          Un comportamento, questo, molto dannoso che porta alla sedentarietà e a numerose problematiche ad essa associate, come ad esempio problemi cardiovascolari, diabete di tipo 2, sovrappeso, pressione alta, osteoporosi, disturbi del metabolismo, depressione, ansia e problemi all’apparato digerente.

          Diventa quindi fondamentale attivarsi e iniziare a fare sport.

          Vanno benissimo tutte le attività aerobiche: come la corsa, il tennis, l’hatha yoga o andare in bicicletta.

          Non importa andare in palestra e iscriversi a un corso in particolare: anche solo camminare fa bene alla salute e all’umore.


          Camminare dai 70 anni in su: fa bene al corpo e alla mente

          Camminare è una delle attività più salutari che possiamo regalare al nostro fisico.

          Se camminare nel verde è una vera e propria cura, capace di rigenerarci e metterci in contatto con il nostro corpo, anche fare i classici “quattro passi” sotto casa porta i suoi benefici, basta però che non rimangano davvero solo 4 passi!

          Camminare a 70 anni o 80 anni è consigliato da tutti i medici perché consente di mantenersi in forma, bruciando le calorie, riducendo i livelli di colesterolo, abbassando la pressione arteriosa e migliorando la circolazione sanguigna.

          Una recente ricerca della Colorado State University ha confermato i benefici della camminata anche sulla materia bianca, ovvero la sostanza, parte del cervello e del midollo spinale, che contiene le fibre nervose e che permette di connettere diverse parti del cervello e del cervelletto attraverso impulsi elettrici.

          Grazie alla materia bianca riusciamo per esempio ad associare il profumo della rosa e chiamarla con il proprio nome.

          Quindi più tempo dedichiamo all’attività fisica maggiore è il rimodellamento della materia bianca!

          Anche a 90 anni camminare rimane l’attività più consigliata, pur in presenza di problemi di equilibrio.

          Infatti, a differenza di quanto si pensi, non è importante la velocità con cui si cammina o la lunghezza dei passi, bensì la durata del percorso. Più a lungo camminiamo più salutare diventa per noi.

          Quindi non importa fare una camminata veloce, basta solo camminare a lungo.

          Se hai difficoltà a camminare, scopri la soluzione per salire le scale di casa e del condominio comodamente

          Naturalmente si dovrà porre più attenzione a come si appoggia il piede a terra, (ovvero, mettendo prima il tallone e poi il resto fino alle dita) perché un movimento scorretto può causare scompensi alle articolazioni dell’anca e del ginocchio e alla zona lombare

          Inoltre, non dimentichiamolo, camminare è un’attività che non comporta molte spese, se non quella di un buon paio di scarpe da ginnastica, ed è un esercizio molto economico, perché non ha bisogno di un’attrezzatura particolare. 

          12 motivi per camminare regolarmente

          Camminare ti fare bene perché: 

          • AIUTA A REGOLARE LA PRESSIONE E MIGLIORA LA RESPIRAZIONE
          • AGISCE MIGLIORANDO L’APPARATO CARDIOVASCOLARE
          • MANTIENE SOTTO CONTROLLO LA GLICEMIA
          • COMBATTE L’OBESITÀ E FAVORISCE LA PERDITA DI PESO
          • MIGLIORA LA FUNZIONALITÀ POLMONARE E LA CIRCOLAZIONE SANGUIGNA
          • MIGLIORA LE FUNZIONI COGNITIVE
          • COMBATTE L’OSTEOPOROSI
          • RALLENTA L’INSORGERE DI ARTROSI E PREVIENE LE FRATTURE DEL FEMORE
          • RIDUCE  LA DEPRESSIONE E L’ANSIA SOPRATTUTTO NEGLI ANZIANI
          • SCARICA LA TENSIONE E “NEUTRALIZZA” I PENSIERI NEGATIVI
          • ABBASSA IL COLESTEROLO CATTIVO

           

          5 consigli per iniziare a camminare dopo i 70 anni

          Ecco cosa devi ricordarti prima di iniziare:

          1. CAMMINA REGOLARMENTE. Non lasciare al caso aspettando la giornata giusta per iniziare. Decidi e fissa in quali giornate andrai a camminare e rispetta la tua routine. Cammina almeno 3 o 4 volte la settimana. Per trarre maggiori benefici, fallo a inizio giornata.
          2. INIZIA PARTENDO DALLA TUA ANDATURA QUOTIDIANA. Cerca di camminare per almeno 30 minuti, partendo da un’intensità simile a quella a cui sei abituato/a giornalmente. Inizia i primi 10 minuti, poi riposa per 2-3 minuti e riparti con altri 10 minuti, continua così quante volte vuoi. 
          3. NON È IMPORTANTE LA VELOCITÀ, MA QUANTO DURA LA CAMMINATA. Indipendentemente dallo stile preferito: camminata veloce, lenta, a piccoli passi o con lunghe falcate, ciò che più conta è camminare a lungo.
          4. SCEGLI LA SCARPA ADATTA. La scelta della scarpa è fondamentale:  deve essere comoda ma non larga, da ginnastica o trekking, con un tacco di circa 3-4 cm per evitare il sovraccarico dell’avampiede.
          5. AIUTATI CON DEGLI AUSILI PER LA MOBILITÀ: ricorda… anche con piccoli passi ma sicuri puoi ottenere benefici della camminata. Usa quindi un bastone o il deambulatore per aumentare la stabilità e ridurre il pericolo di cadute.

           

           

          Richiedi Catalogo

          Richiedi Catalogo Sì, voglio ricevere gratis il nuovo catalogo 2022 dei prodotti Ceteco

            Articoli in evidenza

            Consulente 3 modal

            Un consulente è pronto per una consulenza gratuita
            Contattaci per ricevere una consulenza gratuita, prendi un appuntamento con uno dei nostri esperti Ceteco e chiedi un preventivo gratuito senza nessun obbligo di acquisto.